Pagina:Poesie Veneziane Sul Filosofo Inglese.djvu/17

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Vedo per le botteghe, vedo per i casini,
     In man dei mi nemici, in man dei mi aguzzini,
Coi quali a le mie spalle i critici fa chiasso,
     Versi d'un bel talento, composti per so spasso;
5Perchè del tristo mondo la pertinace insania
     Corompe anca el formento se sparsa è la zizania.
Baso la man che à scrito, la man che se dà vanto
     D'aver a la Persiana godesto e sbatù tanto;
Si ben tra l'una e l'altra ghe xe gran diferenza,
     10Questa ga più sostanza e quela più aparenza.
Responderò umilmente, perchè lu stesso el brama,
     Perchè la zente scioca a farlo anca me chiama,
Zente a la qual per uso vien note avanti sera,
     E crede de sti versi la critica sincera.
15Responderò in sucinto, se farlo m'è permesso,
     Co le so istesse rime e col so metro istesso.

La mia comedia, è vero, del Filosofo inglese
     Opera no xe degna da partorir sorprese;
E se a sentirla el mondo coreva a squadra a squadra,
     20No xe gran maravegia se a un no la ghe quadra.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_Veneziane_Sul_Filosofo_Inglese.djvu/17&oldid=63729"