Pagina:Poesie Veneziane Sul Filosofo Inglese.djvu/12

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Ma, come che a un filosofo s'aspeta e ghe convien,
     Me par che sto argomento no 'l lo risolva ben.
25Voria ch'el me provasse ne l'atrazion scambievole
     Se alora possa el lume de l'omo ragionevole.
La scena de la vedoa xe un poco interessante,
     Quela che col maestro la se palesa amante;
Ma quel so amor, apena ai ochi l'aparisse,
     30El fa come fa un lampo, che subito sparisse.
Ne la mattina, in soma, l'è tuta inamorada;
     E po, co' xe la sera, ghe passa la matada;
Altro più no se parla de sta so gran passion,
     E tuti sti so amori va per traspirazion.
35Se parlo del milord, el me despiase un mondo
     A vederlo sì pigro, sì instabile e sì tondo,
Co' l'è in furor a segno che in fin la spada el cava,
     E a quatro parolette el resta co' è una rava.
El ga un amor ardente fin dopo el mezzo zorno,
     40E po co' xe la sera no 'l ghe ne pensa un corno.
Ghe trovo po in sta azion la gran improprietà
     Che un omo che xe in furie resta cussì incantà.
Un omo co 'l xe in colera el xe fora de lu,
     E la rason alora no ghe laora più;
45Che se sta forza avesse la ose de fermar,
     Nissun, co' se xe in colera, se podaria mazzar.
Parlemo un poco in catedra dei altri do carateri,
     De quei che in Inghiltera i vien chiamadi Quacheri.
Oh! questi sì xe beli, i xe un bel capo d'opera!
     50E pur i xe l'intrecio de tuta sta bel'opera.
Co' mi de veder credo do omeni onesti e boni,
     Me vedo su la scena do furbi, do baroni.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_Veneziane_Sul_Filosofo_Inglese.djvu/12&oldid=63724"