Pagina:Poesie Veneziane Sul Filosofo Inglese.djvu/11

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.




Quella Commedia, amigo, del Filosofo inglese
     Che à fato a tante teste mirabili sorprese,
A vu, che per lodarla ve fe capo de squadra,
     Ve parlo schietamente, a mi no la me quadra.
5Cossa ghe xe de bello che fazza inamorar?
     Qua no ghe xe acidenti, gh'è poco da imparar;
Ma quel che più de tuto m'à afato desgustà
     Xe che in quei so carateri no ghe xe verità.
Un filosofo inglese se me propone in scena,
     10E po sto gran filosofo el se cognosse apena.
Che azion falo de belo? a dirvela, voria
     Qualcossa che spicasse la so filosofia;
Ma che passion se vede che l'abia rafrenà?
     Perchè no 'l se marida? no 'l gera inamorà.
15Mi vedo ch'el se inquieta, ch'el s'agita da bon,
     Co 'l fa quela parlata da magro Ciceron;
Vedo ch'el se avilisse, e vedo ch'el se scusa;
     Un che perdon domanda d'aver falà se acusa.
Più tosto el chiamarave un mestro, un precetor,
     20Che va per i regali qua e là a far el dotor,
Co 'l fa quel so discorso d'efluvi e d'atrazion
     Che in tuta la comedia se crede el megio e el bon.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_Veneziane_Sul_Filosofo_Inglese.djvu/11&oldid=63723"