Pagina:Poesie Veneziane Sul Filosofo Inglese.djvu/13

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Se ben no se saveva dei Quaqueri el costume,
     Da Voltèr se doveva prender un po' de lume.
55Se me dirà, me speto, che in tute le nazion
     Ghe n'è de boni e tristi in ogni religion;
Ma quando che un caratere se ga da presentar,
     Se rapresenta el genere e no el particolar.
Questi per odio indomito i manca assae de fede,
     60E po de sto gran odio la causa no se vede.
In soma, come ho dito, no ghe xe verità,
     Ghe xe de le implicanze e de le improprietà.
Questa no xe comedia, l'è una dissertazion;
     I altri po carateri no ga corelazion,
65Che s'anca no i ghe fusse, l'azion ch'è principal
     No perdarave gnente del so gran capital.
No digo che no 'l sia uno dei bei spetacoli,
     Ma parlo perchè sento a far sti gran miracoli.
I versi xe ben scriti, ghe xe dei rudimenti,
     70Ma gh'è de le fredure, i versi no è seguenti.
De più poderia dir, ma me voi' destrigar,
     Perchè da vu mi bramo sentirme confutar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_Veneziane_Sul_Filosofo_Inglese.djvu/13&oldid=63725"