Pagina:Marco e Tòdaro.djvu/129

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.
— 127 —

A la fin de sta renga,1 co' sussiego
     Riflete Sanatasso impensierio:
     «Gh'è del sal nel progeto, no lo nego;
     156Ma a l'opera te vogio!..» — «Impegno mio!
     (Salta sù el picinin). Zogo l'impiego,
     Zogo anca i corni, ma no dago indrio.
     E se fazzo mai fiasco, de sta pele
     160La fazza pur lasagne e tagiadéle.

Posso parlar cussì, perchè go in tera
     Sparsi per tuto i mii logotenenti,
     E in qualche sito i xe una squadra intiera
     164De fradei venerabili e de orienti,
     Zente famosa per farghe la guera
     Al papa, a Cristo, a tuti i sacramenti.
     Spesso anzi i la sa far megio de nualtri,
     168Perchè i buta più ipocriti e più scaltri.

Questi che passa za per dotoroni
     Xe i campioni dei rosti; e in conseguenza
     L'antifona i ripete in tuti i toni
     172Col tratato, el zornal, la conferenza,

  1. [p. 132]renga — voce antiquata un poco, ma un tempo usitatissima nel linguaggio veneto anche ufficiale; — vale arringa, difesa.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Marco_e_Tòdaro.djvu/129&oldid=63335"