Pagina:Marco e Tòdaro.djvu/132

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.
— 130 —
NOTE


(1) varigola — trivella, succhiello.

(2) quela pele — modo figurato, specialissimo del dialetto veneto, che equivale a quel briccone.

(3) forca vechia — furfante matricolato.

(4) bubana — abbondanza.

(5) el comprendonio — (o come anche dicesi, el solèr de sora, el nominepatris) il cervello, la ragione, il giudizio.

(6) sberloto — ceffone, manrovescio.

(7) caileti — cataletti.

(8) a remengo — alla malora. Affine al ramingo dei toscani, ma sempre in peggior senso.

(9) renga — voce antiquata un poco, ma un tempo usitatissima nel linguaggio veneto anche ufficiale; — vale arringa, difesa.

(10) cu - cu! — E' il verso del cuculo (onde viene anche il toscano cuculiare) e suol farsi per canzonare o schernire alcuno.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Marco_e_Tòdaro.djvu/132&oldid=63339"