Pagina:Marco e Tòdaro.djvu/128

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.
— 126 —

     Va in fumo i corpi, fora de quel tanto
     Che cenere finissima diventa;
     E quel pugno de cenere molesto
     136A mandarlo a remengo1 se fa presto.

Ma gh'è un'altro vantagio. A quei briconi,
     Che a qualche amigo ghe vol far la festa
     Co qualche beverin, co' dei boconi,
     140No xe una bela idea mètarghe in testa
     De far brusar quei poveri minchioni,
     Perchè vestigio del velen no resta?
     E quanti co sta idea no starà quieti
     144Tentando colpi facili e segreti?

Ghe ne digo po' un'altra, e dago logo.
     Ripetendoghe ai omeni ste scene,
     Co' quei rosti e quei forni sempre in zogo,
     148Gh'entra l'indiferenza per le vene;
     I se adata a l'idea del nostro fogo,
     Più spezie no ghe fa le nostre pene;
     E intanto che i se frise e che i se storze,
     152I piomba qua, che gnanca i se n'acorze.»

  1. [p. 132]a remengo — alla malora. Affine al ramingo dei toscani, ma sempre in peggior senso.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Marco_e_Tòdaro.djvu/128&oldid=63334"