Pagina:Levi - Versi in dialetto triestino.djvu/25

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Vedova


     Che dolor, che dolor! Che disgraziada!
No la se pol calmar, la fa pietà!
La pianzi come mata, disperada,
El marì ghe xe morto un’ ora fa.

     Giovine ancora, vedova restada
Sola in sto mondo cossa la farà?
De lui la iera proprio inamorada,
Tuta la vita la lo pianzerà.

     — Via, la se calmi, dai, iera destin...
La conforta cussì una vedovela
Vistida in luto ultimo figurin.

     — Calma? mai più! sempre sarò in sto stato...
E guardando l’amica: ma che bela!
Sto vestito che sarta ghe ga fato?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Levi_-_Versi_in_dialetto_triestino.djvu/25&oldid=69290"