Pagina:Leggende fantastiche popolari veneziane.djvu/7

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


busa profonda, ma senza gnente. E subito el paron gà capìo che nome che là, mugier e compare i possia essar stai sprofondai.

Alora el xè tornà de suzo, e no l’à volesto più star in sto palazzo e gnanca in Venezia, e el xè andà a Verona. E in sto palazzo el gà lassà la camariera co el so talaro al giorno e co de le persone che la governasse e ghe dasse da magnar e da bevar, parchè in fin che l’à rivesto, la xè sempre stada in leto aranziguada, e no la gà mai podesto parlar. E pò, sto paron gà volesto che tuti podesse andar a veder sto spetacolo, parchè el fusse un specio de quei tali che gavesse la cativa intenzion de no rispetar el compare de San Zuane.




II. — De un compare de l’anelo ch’el gà strucà la man a la sposa co cativa intenzion.


Bisogna saver che nualtri veneziani disemo che el compare de l’anelo xè compare del primo putelo.

Dunque, a l’Anzolo Rafael xè nato sto caso, che ghe giera un giovine e ’na giovine che fava l’amor. Dunque i se pensa de maridarse, e el sposo trova el compare. Per solito, apena ch’el sposo trova ’l compare, el lo compagna a casa de la sposa, e el ghe dise a sta sposa: — «Varda: questo xè to compare.» — Sto compare giera maridà. Apena ch’el xè intrà in casa de sta giovine e che el l’à vista, el s’à tanto inamorà e tanto inamorà su de ela, che più che volintiera e ancora megio el ghe fasseva da compare.