Pagina:Leggende fantastiche popolari veneziane.djvu/8

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Andemo, che sto compare no ’l vedeva l’ora che sti regazzi se maridasse. Infati, capita el momento del matrimonio. I va in ciesa, e lu fa da compare, sempre co quela idea che a un giorno ghe fusse qualcosa anca par elo. Quando che i xè vegnui via de ciesa, i fa la so marenda, come che xè de consueto, e, el dopopranzo, come de solito, i monta in gondola e i va a l’ostiria. Prima monta la sposa e el compare; pò monta el sposo e i parenti. In t’el montar in gondola, el compare ghe dà man a la sposa, e lu ghe ciapa la man e el ghe la struca tanto e tanto, in fin che, cazza, a la sposa ghe doleva la man.

Co l’andar del tempo pò, el vede che no ghe xè gnente de novo par elo, e gnanca elo, pò, el ghe pensa più a ela. Dopo un altro poco de tempo, lu, avendoghe fato sto scherzo a la comare, l’à scominzià averghe in se come un scrupolo de conscienzia. Più el stava, e più el gaveva sto scrupolo. Alora el se pensa d’andar a confessarse e de contarghe al confessor quelo ch’el gà fato e co quala intenzion. Infati, el va, e el ghe conta tuto a sto confessor. Dise ’l prete: — «Ti gà fato un gran falo, fio mio. Mi bisogna che te daga ’na penitenza, ma grandissima. La farastu?» — Dise elo: — « Sissignor: el me diga pur.» — Dise ’l prete: — «Senti: de note tempo ti gà da andar a far un viagio in dove che te dirò mi; ma varda che per quanto sussuro che ti sentirà, no state voltar mai in drio. E tóte tre pomi, e ti trovarà tre signori, e daghene uno per uno a sti signori.» — Dopo, sto prete el ghe dise in dove ch’el gà da andar, e sto compare va via.

Dunque elo el speta che fazza note, e pò el tol sù