Pagina:Leggende fantastiche popolari veneziane.djvu/6

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


camara del paron, e i ghe dise: — «Ah, per carità! No ghe xè più nissun, nè la morta, nè la viva: la camara xè voda.» — Dise el paron: — «Possibile?» — Alora subito el se veste e el va in camara de la morta, e no ’l vede nissun; el va a vedar se ghe xè i vestiti che la portava atorno, e no ’l trova gnanca ’l capelo; e el dise: — «Oh, che caso!» — Dopo el ciama i servitori, e el ghe dise: — «Tolè su ste torzie, e andemo a veder sul soteraneo.» — Va da basso tuta sta zente co i torzi impizzai, e, a forza de sercar, i trova sta povara camariera che no la dava gnanca più segni de vita. Sti servitori i la ciapa per un brazzo, e i vede che sto brazzo xè aranzignà, e che no ’l se pol destirar. I la ciapa per st’ altro, e i vede che xè istesso, e che xè ranzignà tuto ’l corpo. I leva sto balon de sta dona da tera, e i la porta de suzo e i la mete sul so leto. El paron, presto manda a ciamar i medici, parchè i varda se se pol recuperar sta dona. Capita sti medici, e i vede sto spetacolo. I ghe tasta el polso, e pò i dise che la gaveva ancora i spiriti vitali, e che i vardarà de poderla recuperar. Infati, a poco a poco la gà dà segni de vita. Prima la gà verto un poco i oci; pò la gà movesto i dei, dopo le man e un poco ’l corpo; ma la xè restada ranzignada, nè la podeva favelar. El paron ghe parlava, e ela sentiva tuto, ma no la podeva rispondarghe. A forza de bulegar che la fava i dei de le man, i boni intenditori gà capìo press’a poco quelo che la voleva dir. El paron alora gà tolto sti torzi, e, compagnà da i servitori, el xè andà sul soteraneo a vedar de novo se ghe giera la morta. Varda de qua, varda de là, no i gà podesto trovar gnente, altro che ’na