Pagina:Leggende fantastiche popolari veneziane.djvu/16

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


vesse giera la meza note. Apena alzada, la va per impizzar la lume, ma no la trova nè lesca, nè batifogo; alora, vedendo un gran ciaro fora del balcon la va a sto balcon e la vede ’na pruçission longa, longa, longa e in parfeto silenzio. Presto ela cala zozo la lume in t’un sesto, e, co’ la vede che passa l’ultimo de sta pruçission, la ghe dise: — «Digo, paron! Feme sto piasser: impizzeme sta lume.» — Questo quà, senza dirghe gnente, el ghe impizza la lume, e pò el ghe mete drento nel sesto el so brazzo. Ela la tira sù sto sesto, e la vede la lume impizzada e che ghe xè drento un brazzo. Tuta spaventada, la se mete a dir: — «Ah, povareta mi! Cossa gogio mai fato?» — E là, ghe vien in mente che la giera la note dei morti, e la dise: — «Sicuro: quela la giera la pruçission dei morti, e quelo che m’à impizzà la lume giera un morto, e per segnal el m’à lassà quà sto brazzo.» — Alora, presto presto la fa el pan, e dopo la ciapa suzo e la va dal so confessor, e là la ghe conta quel che ghe xè suçesso. E elo ghe dise: — «Ben, senti cossa ti gà da far: el brazzo adesso ti lo metarà in te la semola, e ti lo lassarà là in fin a sto ano che vien. Co’ xè passà l’ano, a la stessa ora ti torà sto brazzo, e metite un gato moro in traversa e tienlo ben streto, e, co’ ti vedi che passa sta pruçission, sta atenta a quelo che xè senza brazzo, e conségnighelo a elo, e dighe: — «Ciapè, paron, el vostro brazzo.» —

Alora la va a casa, e la mete sto brazzo in te la semola, e la speta che passa l’ano, e che vegna la note dei morti.

Co’ xè passà l’ano, la tol sto brazzo, la tol el gato