Pagina:Le Rime Veneziane e Il Minuetto.djvu/39

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XVIII.

Cantime la canzon dei tre colori,
Che sui to lavri la sarà più bela.
Sui to inoçenti lavri de putela
Tuto el profumo l'avarà dei fiori.

Coi to lavri d'amor, bela Catina,
Cantime la canzon garibaldina.

Canta, tesoro, e i morti al to bel canto,
Se svegiarà dasseno in camposanto.

XIX.

O vilota de lagreme e de amor,
Va da Catina e dighe el mio dolor.
Dighe che pianzo tuto el santo dì,
Che me despero, che no son più mi.

Dighe ch'el cuor me brusa come un forno,
Che me sento morir de zorno in zorno.

Dighe, vilota, el pianto e l'amor mio,
A quela cagna che me ga tradìo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Le_Rime_Veneziane_e_Il_Minuetto.djvu/39&oldid=63233"