Pagina:La Venetiana.djvu/7

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


pelo, del mustazzo, che se no mel tosasse, el me darave in sù le scarpe, sì che mi no credo, che habiè ridesto per altro, le nò per sta romanzina, che sti meza camisa, sti magna caraguoli me hà dao; O veramènte, perche, e son tanto pizzenin; O vedè se falè de grosso; Mo no saveu, che la vertù più unìa hà purassè pì poder? Virtus unita fortior soleva dir, Sier tereme da drio Pescaor da menole. Nò saveu, che i pomeri nani fà fruti cusì saorosi? L'Ava dal cul ponzente, nò xela pizzenina? sì; nò fala mò el miel, ch'è cusì dolce, che'l fà voia de licarsi i dei à chi el maniza? Mò se volesse andar drio, che nò diravio? Voleu cognosser, che la Natura ne hà desferenziai nò solamente in la statura; mà anca in te la dignitae da i altri homeni? Vardelo, che subito, che semo visti, subito digo i Duchi, i Rè, i Imperadori ne tiol appresso, de lori; perche mò questo? perche à nù soli, più che à sti pertegoni da bater nose, se convien le comoditae Real; Nò ghe sia mò qualche bel humor che diga, che sti grandi deletandose de pì sorte de bestie, ne voia anca nù, per far più belo el numero, habiando nù altri più della Gagiandra, che del'homo; e che i ne tegna per far rider le mone, i babuini, e i papagali, perche la cosa andarave in longo. Hor suso, al ponto. Chi estu? son Cabalao. Che vustu? Che rasè. Perche? perche son chiamao à vender nò pì cordele, e aghi da lanzan, per stè petegole: Mà à portar sta cesta de libri d'una Composition, che se chiama: La VENETIANA. Comedia composta senza gratia, e privilegio de i boni ordeni, dal'Autor nominao Puoco cervelo; Vardè, lu non hà mai leto Aristotele, anzi el xè sò capitalissimo nemigo; In suma fè vostro conto, che quanto manco

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:La_Venetiana.djvu/7&oldid=62978"