Pagina:La Venetiana.djvu/6

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


P R O L O G O


Cabalao con una cesta al collo de libri, e nell'uscir in palco da i Comici gli sarà fatto dietro un strepito de corni, de bacili, de campanacci, e de voci diverse.


Che diavolo haveu, dixè castronazzi? Che ve vegna el cancaro in tel mustazzo; che bordelo me feu da drio? feu forse de mì la cazza del toro? Oh? si à la fè, ridè anca vù altre Done petegole: sò ben, che havè sta ridaruola, perche son più grosso, che longo; Mo diambarne nò son zà gnanca un Nanin, una Tartufola, ò un verzoto; Non hò zà gnanca paura, che'l vegna un Porco Signori, che me magna, o un Ocon, che me beca, ò pur una Grua intrando per i balconi, porta via colù, che à tuti vuol far in stò liogho quela cosa; Vedè là culìa, che me fà sberlefi; v'intendo: voressi mò, che'l le fesse a le done sole: pota, sè pur golose; ve arecordo, che in sto tempo anca à i zoveni piase el bon: Che credeu che diga, che fè el muso, che'l par un cul de polastrela, che habbia fato el vuovo? parlo del far Comedie vedè, e de farne el Prologo. Nè ve para de stranio, che i habia cernio sto fusto; perche son anca mi in quantitae fornìo de tuto quelo, che palpabilmente puol far cognoscer un homo da una dona. E pur cogumari; sempre me fè smorfie come disesse delle panzane grosse; vegna el cancaro à chi me hà insegnà stò Prologo, che per farve rider vù anderò in barca mì; E digo quel, che fà cognoscer l'homo dala dona, co sarave a dir el

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:La_Venetiana.djvu/6&oldid=61152"