Pagina:La Venetiana.djvu/8

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


mi, per zonzer al'altezza de i altri homeni, che tanto el manca lu de cervelo apresso quei, che scarabotola in stà profession de Comedie; Mà pur perche dal leame nasse anca el fongo, ch'è cusì bon, cusì anca poderave esser, che da lù fusse nassuo cosa, che podesse piaser; si ben à crederlo l'è gran fadiga. In suma mi credo, che sta sò Comedia non haverà altro de bon che el Prologo, che haverà del'invenzion; Daspò, che costù come quelo, che fà ogni cosa à caso, nò vogiando sarà vegnuo à descoverzer la brutezza del corpo de la sò comedia, co'l mezo de far che mi fazza el Prologo: ma el nò xè però tuto balon; che halo mò fato? el sà, che'l don piase à tuti, e che el don da tuti anca fà, che'l donaor sia amao; lù mò per intrarve in grazia, azzò, che nò dè la subiata a la sò, co, co, co, Diavolo dilo; à la sò Comedia, el ve vuol ligar la lengua, anzi ferar i lavri con stò presentin de 50. o poco pì de ste sò VENETIANE. Sù done slargheve davanti, tiolè che vel dono; tiolè, tiolè, tiolè. Oh? e hò compio. Adio ve lasso: Vago à ziogar à la mora cento fritole col Gobo da Rialto.


Il fine del Prologo.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:La_Venetiana.djvu/8&oldid=62979"