Pagina:Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453.djvu/10

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


più i azonzer con bombarda, subito el capetanio gindò1 la vela, e cussì fè la sua conserva, che jera ser Jeruolemo Morexini, fo de ser Bernardo, e azonse con salvamento a Costantinopoli, e tutti avessemo gran consolation de l'azonzer de queste do galìe, fo dì 10 novembrio.

Adì do de decembrio, la galia de Trabexonda imbocò dentro de la boca de mar mazor, e imbocada che fo la ditta galìa la sorse per me' il castelo de l'algiro che sun del Turco, e sorta che la fo la ditta galìa, vene 12 fuste de Turchi a la galìa, le qual se partì da quel castelo fato da nuovo, e vene queste fuste attorno la galìa come amixi, e quelli de la galìa i azetò come amixi, et ancora i fo fatto uno bel prexente al capetanio de quele fuste per queli de la galìa: e come quel capetanio ave el prexente in ne le man, subito quelo lo getò in aqua come homo irado, perchè a lui parea meritár mazor prexente cha quelo, e in quel trato el ditto capetanio de quele fuste voltò, e andò con quele al suo castelo fatto da nuovo, per far che el subassì de quelo retignisse la galìa, e in quela fiada queli de la galìa come homeni savj, vedando el turco desdegnado, i se delibera de andar pianamente driedo le fuste de Turchi; e quando le fuste fo arivade al castelo, el so capetanio si smontò in tera per andar dal suo subassì del castelo per far retignir la galìa come de sora ho dito; e pur in quelo, queli de la galìa vegnia remizando in ver Costantinopoli con vitoria. E quando fossemo per me' el suo castelo comenzasemo a salutar i2 come amixi, e pur levando vuoga e sonando le trombette e fazando i festa asai e al terzo saludo che noi i avesemo fato, zà aveemo scoso el castelo, che zà l'aqua ne menava a seconda in ver Costantinopoli; le zurme sempre vogando de bona voia per la legreza che i avea, per aver pasado quel passo de quel castelo, el qual iera forte pericoloxo passo, e d'agnora de tal fiada la galìa tuta jera in battaia come quela dovesse combatter, e questo se fo adì 4 decembrio, che quela azonse a Costantinopoli; patron de la galìa ser Jacopo Coco el grando.

Adì 133 dezembrio fo fatto la union in la giexia de santa Sofia con grandenissima solenitade de chierixie, en etiam ve jera el reverendo gardenal de Rosia, che jera mandà per el papa, etiam ve jera el serenissimo imperador con tuta la sua baronia, e tutto el populo de Costantinopoli, e in quel zorno ve fo de gran pianti in questa zitade, e questa

  1. issò la vela.
  2. salutarli
  3. 12. Decembre. Il Lamartine nella sua storia della Turchia toccando dei mali effetti cagionati dal tentativo dell'Unione, molto finamente si esprime: l'Église avait tué la patrie.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453.djvu/10&oldid=62464"