Pagina:Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453.djvu/44

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


che lui regesse questa cossa, e che tuto andasse per sua ventura, e che lui fesse de nui quelo i piaxesse, perchè cognossemo, e vedemo chiaramente, che niuno christian, che se truova al presente in questa puovera zitade, non porà fuzir la furia de questo malvaxio pagano, tuti nui convignemo andar per fil de la spada turchesca; e però nui tuti galioti avemo deliberado de morir qua suxo queste galie, per esser caxa nostra, e per niuno muodo nui non volemo morir in tera. E tanto fexe queste ciurme, che i otene sua intention de star in le galie, sì che in quela fiada el capitanio de le galie si se fexe forte, e romaxe in le sue galie arente la palizada de Pera, cun tute le sue ciurme. Ma pur tuto questo zorno, non resta mai el turco de bombardar in le mure da tera verso san Romano, con la so bombarda grossa, e con tute altre sue bombarde.

A dì nuove pur mazo fesemo el conseio di dodexe, e fo prexo per parte in nel dito conseio, che misser Cabriel Trivixan vizo capetanio de do galie, andase a star in tera a le mure da tera con omeni quaranta de la sua galia, e dexarmar le so do galie sutil, e quele lasarle in varda a misser Aluvixe Diedo, el qual è capetanio de le galie da la tana, e cusì el dito misser Cabriel Trivixan, si obedì el comandamento fatoi1 per el conseio di dodexe, e desarmò le do galie, e andò in tera a le mure con quatrozento homeni de le so galie, e quele si romaxe in varda come ho dito de sora, a misser Aluvixe Diedo.

A dì diexe pur mazo fesemo el conseio di dodexe in la giexia uxada de santa Maria de Costantinopoli. —

Considerando in tuti li caxi pericoloxi sia laudebel cosa a far provixion sora i fati da mar, e zascadun si vede manifestamente, che l'armada de questo perfido turco si son molto forte, e posente contra de la nostra, e perchè in questo porto de Costantinopoli e de Pera, se truova a essere nave, galie et altri fusti de più comunitade, e de più luoghi, e azochè le cose vada con i ordeni, a le bataie, che se averà a far qua da mar, e azochè nui cristiani possiamo aver vitoria e onor in questo mondo contra questo turco, e però l'andarà parte per autorità de questo conseio, che el nobel homo misser Aluvixe Diedo capetanio de le galie da la Tana, sia fato capetanio zeneral de mar, zoè de l'armada che se atruova a esser al prexente in questo porto, e che el dito capetanio abia piena libertà da far e desfar de tuti i fusti de questo porto. Fo prexa questa parte; el dito misser Alvixe Diedo in questo zorno azetò de bona voia el capitaniado, e subito comenzò

  1. fattogli.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453.djvu/44&oldid=62501"