Pagina:Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453.djvu/45

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


a meter ben in ordene questo porto, e nave e galie, ma masimamente la cadena del porto, perchè quela si iera la nostra salude de l'armada nostra, e del porto nostro; messo che fo el porto, stesemo pur alquanto de mior voia senza pensier da mar. —

A dì undexe pur mazo, per questo zorno non fo fato altro, ni da mar ni da tera, salvo bombardar in le mure assai da terra ferma, gnente altro non siegue in questo zorno che sia da dir.

A dì dodexe pur mazo a l'ora de la meza note vene a le mure del palazo, da turchi cinquanta milia ben in ordene, circondando tuto el palazo de questi cani turchi con grandissimi cridori segondo lor so costume, e cusì de sonari de nacare, e de tamburli; i diti turchi per questa note i dè una granda bataia a le mure de questo palazo, che quaxi la maxor parte de queli de la tera veramente si crede perder questa note la zitade. Ma il nostro misericordioso misser Jesu Cristo non volse, che questa note si devèse perder cusì vilmente questa zitade, et anche dio si volse che le profetie fosse adimplide. La qual profetia profetizò santo Costantin, che fo el primo imperador che avesse Costantinopoli, el qual profetizò, che mai Costantinopoli non se perderia mai per in fina che la luna non levasse scura, siando el suo tondo, zoè che la se vedesse, salvo la mitade de quela, sì che adonca per niun modo quela non iera l'ora de perder la zitade, ma ben è vero che d'agnora el se aprosimava la sua destrution de dover perder el degno imperio. —

A dì tredexe pur de questo mexe de mazo misser Cabriel Trevixan vizo capetanio de le galie sutil si lasò le so galie in varda del capetanio del porto, e andò a star a le mure da tera con i suo homeni de le galie; el dito misser Cabriel si stete in tera a vardar le mure, dove che iera fati i repari per el butar de le bombarde, e stete el dito misser Cabriel lì a le mure fina che el turco fexe la prexa de la zitade. Ancora in questo zorno vene alguni turchi a le mure, a scaramuzar, ma gnente fo da conto, ma le bombarde, tuto el zorno prexente e tuta la note, non feze mai altro che bombardar le puovere muraie.

A dì quatordexe, (quel de sora si vuol dir a dì tredexe), sì che in questo zorno de quatordexe de mazo a l'ora de terza, el signor turco si fexe despiantar le bombarde, che iera stade messe de sora el monte de Pera, le qual d'agnora bombardava la nostra armada; le piere che trè queste bombarde in l'armada nostra le fo contade, e fo piere duxento e dodexe, e tute de pexo da livre duxento in suxo l'una; e da

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453.djvu/45&oldid=62502"