Pagina:Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453.djvu/35

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


longamente desputada a che muodo che se podeva far, che tanta intromission avesse efeto, e tuti del conseio si dixea la sua opinion; alguni del conseio si volea, che de bel mezo zorno se dovesse muover tuta la nostra armada del porto, tute nave e galie, e tute fuste, e andar a investir efetivamente dentro de questa sua armada, e non cazar fuogo; alguni si volea che andasse zente per tera, e assaltar queli pavioni1 da tera, i qual steva in varda de l'armada sua, e aver solamente do galie sutil da mar. Misser Jacomo Coco, el qual si iera patron de la galia de Trabexonda, si dise anche lui el suo parer, e consonò a tuti, come per avanti intenderè el teribel caxo seguido de questa tal intromission, per voler bruxar la dita armada del Turco.

A dì vinti quatro de questo, zoè de April, ser Jacomo Coco patron de la galia de Trabexonda, tolse do nave de zerca bote cinque cento l'una, e quele atorno le investì de sacchi de goton e de sacchi de lana per muodo, che non iera possibil cosa che botta de bombarda i dovesse nuoxer, per granda che la fosse. Abiando messo in ordene queste do nave, non è possibel cosa, che queste nave possa investir questa armada, senza aiuto de galie over fuste, sì che adonca non possando andar le nave senza ajuto de galie, fo messe in ordene do galie sutile, e zascaduna galia grossa armò una fusta de l'imperador de banchi vintiquatro l'una, e zascaduna nave armò una de le sue barche grande. Siando messo in ordene tuta questa armada, per voler andar a bruxar l'armada del nemigo, el fo messo ordene, che a un ora de note, tuti fosse in ordene con i so fusti, per dover investir in quela a la meza notte, e al ora de mezza notte tutti si se reduxe suxo la galia de misser Alvixe Diedo, el qual iera capetanio del porto, e lì fo deliberado o sì, o no, de tuor quela intromission, e la mazor parte si fo de parer de dover andar a investir a questa ora de meza note, e lì, subito investidi, cazar fuogo dentro de l'armada del Turco. E in quela fiada i Zenovexi de Pera, nemigi de la fede cristiana, si vene a presentir questa cosa, che nui volemo bruxar questa armada; de subito el podestade de Pera2 si mandò do di suo Zenovexi per imbassadori al signor Turco, il qual si iera a S. Romano intorno le mure di Costantinopoli; e in nel parlamento che fexe i Zenovexi in la galia de misser lo capetanio, lor cani traditori de Zenovexi si dise: misser lo capetanio questa note non sun da dover tuor tanta intromission

  1. padiglioni.
  2. Anzolo Zacaria da Pera, lo fece saper al Turco. Nota in margine. Angelo Giovanni era il nome del Podestà, e commissario di Pera. Vedi: Serra storia dell'antica Liguria. Capolago 1835. Vol 3. pag. 195. nota 2.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453.djvu/35&oldid=62491"