Pagina:Delli componimenti diversi di Carlo Goldoni 1.djvu/211

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



76Me despiase lassar sta compagnia,
     Che mostrava per mì tanta bontà;
     Bisogna in verità che vaga via,
     I me aspetta a disnar de là da Strà,1
     Dove, che tante volte in vita mia
     Segondo usanza, sarò stà mandà 2!
     E mì fazzo l'istesso de bon cuor
     Con tutti quelli, che me fa sto onor.

77Vago un pochetto in Lombardia a viazar,
     Prima a Mantoa, e po a Parma, e po a Milan.
     Ma spero, se Dio vol, de retornar,
     3 Co sti Novizzi se darà la man:
     E poderme con lori consolar
     Col cuor sincero, da bon Venezian 4,
     E i me vol tanto ben, siei benedetti,
     Che puol esser, che magna dei confetti 5.

78Qua per fenir l'istoria doverìa
     Parlar de quella, che me giera arente,
     Che non se sa gnancora, chi la sia,
     Ma credo, che nissun saverà gnente.
     Ho tolto el mio Baul, son andà via,
     E l'ho lassada con quell'altra zente;
     Perchè mì son cussì: presto me tacco,
     E presto facilmente me destacco.

79Tutti m'ha saludà, tutti m'ha dito:
     Ve ringraziemo, che n'avè contà
     Tutto quanto drio man, 6 cussì pulito,
     Che n'avè propriamente consolà.
     Gnanca da senno se l'avessi scrito,
     Non averessi cussì ben parlà,
     E i dise ben, che co ghe penso su,
     Dei spropositi fazzo assae de più.

  1. Un altro Villaggio ricco, e dilettevole sulla Brenta, poco distante. Mandar uno di là da Stra è un'ingiuria, che non merita di essere spiegata.
  2. L'Autore crede di essere stato mandato, e di aver rimandato.
  3. Quando.
  4. I Veneziani, in generale, sono sinceri.
  5. Dei dolci, che si accostumano nelle Nozze.
  6. Per ordine, con metodo.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Delli_componimenti_diversi_di_Carlo_Goldoni_1.djvu/211&oldid=62333"