Pagina:Delli componimenti diversi di Carlo Goldoni 1.djvu/210

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



72Che Sovrani xe tutti quei, che nasse
     Dalle Patrizie Dame Veneziane.
     Digo, co vedo un zentilomo in fasse:
     Questo avrà un zorno cariche sovrane,
     O in quel posto, o in quel grado, o in quella classe,
     A norma delle leggi veterane,
     Chi Savio 1 Grando, chi Procurator 2,
     Chi del Manto, e del Corno 3 avrà l'onor.

73E ai fioi, che nasserà dal vostro sen,
     Zentildonna gentil, de gloria degna,
     Per sangue, e per retaggio se convien
     I primi onori, e la primaria insegna.
     El vostro illustre parentà xe pien
     Del primo sangue, che su l'Adria regna:
     E ben s'unisce a quella d'un Priuli
     4 L'antiga vostra nobiltà in Friuli.

74Della Casa Manin parla le Istorie,
     Noto xe el so splendor, la so grandezza;
     E accresce el prezzo delle antiche glorie
     La rara al Mondo splendida ricchezza;
     E le recenti Venete memorie
     Dei Governi, che retti ha con saviezza,
     El degnissimo vostro Genitor,
     El Conte Lodovico Senator.

75I me vedeva un pochettin scaldà,
     Nissun ardiva gnanca de fiatar 5.
     Quando vedo saltar de qua, e de là
     Vetturini, e facchini a strepitar.
     E Camerieri a dir con civiltà:
     Chi vien a l'Osteria, chi vol disnar?
     Chi vol per Padoa un Carozzin da nolo?
     E mì digo: a la fe, che semo al Dolo 6.

  1. Una delle primarie dignità della Repubblica.
  2. Procurator di San Marco, altra dignità, che si conferisce per merito di servigi prestati.
  3. Corona Ducale.
  4. La Nobilissima Casa Manin, antichissima nella vasta Provincia del Friuli.
  5. Rifiatare.
  6. Grosso e delizioso Villaggio, situato di qua, e di là della Brenta, a mezzo viaggio da Venezia a Padova.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Delli_componimenti_diversi_di_Carlo_Goldoni_1.djvu/210&oldid=62332"