Pagina:Delli componimenti diversi di Carlo Goldoni 1.djvu/209

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



68Quanto pochi ghe n'è de sti cuorazzi 1,
     Che se impegna cussì per i fradelli!
     I primi per lo più tra sti siorazzi 2
     So, che i vorave aver tutto per elli,
     E i segondi fradelli, poverazzi 3,
     Sotto ghe tocca star 4, co è tanti agnelli,
     E se de maridarse ghe vien voggia,
     Sior no; i ha da morir co la so zoggia 5.

69Ma che zoggia credeu, che ghe convegna?
     No so, alla fe. Basta tiremo avanti,
     Perchè in ste cosse la prudenza insegna:
     6 Tresca coi Fanti, e lassa star i Santi.
     Posso ben dir, che d'ogni lode è degna
     Sta fameggia Priuli, e tutti quanti
     Son seguro, che a quel, che digo mì,
     Col cuor in man responderà: Sior sì.

70E adesso che a sto sangue benedetto
     Quello unito sarà de Ca Manin,
     Figureve, che frutti da quel letto
     A Venezia promette el so destin.
     Veder, se Dio me darà vita, aspetto
     Prima, che passa l'anno, un fantolin 7,
     E po tanti, che basta a dar bel bello
     In ogni gerarchia qualche modello.

71Via, Sposa, compatì l'augurio ardito;
     So anca mì, che el far fioi 8 xe cossa incomoda,
     Ma a le Donne sto peso ha 'l Ciel prescrito;
     Chi è savia, come vu, soffre, e s'accomoda.
     Quel portar nove mesi el ventre aflito
     Certo el xe un peso, che un pochetto incomoda;
     Ma finalmente l'è un piaser giocondo
     Dar dei Eroi, dar dei sovrani al Mondo.

  1. Cuori grandi, magnanimi.
  2. Gran Signori.
  3. Meschini.
  4. Come agnelli.
  5. Evvi il costume di mettere in capo una corona di Fiori a quelli, che si suppongono morire colla loro Verginità.
  6. Proverbio.
  7. Un bambino.
  8. Far figliuoli.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Delli_componimenti_diversi_di_Carlo_Goldoni_1.djvu/209&oldid=62331"