Pagina:Delli componimenti diversi di Carlo Goldoni 1.djvu/199

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



28Sto novizzo no xe d'una bellezza
     Femenina più tosto, che viril,
     Chè nei omeni savj no se apprezza
     Certa caricatura pueril.
     Se ghe vede in tel viso un'allegrezza,
     Un'aria de bontà dolce, e zentil,
     Che fa, che el piasa, e che se diga; in ello
     Ghè un non so che, che lo fa grato, e bello.

29E po basta de vederlo a trattar,
     Sia co le Dame, o sia coi Cavalieri,
     Credemelo, da lu ghè da imparar.
     Se scoverze da l'uso anca i pensieri.
     Sempre modesto el sentirè a parlar
     Con sentimenti nobili, e sinceri;
     E quel, che più me piase, e più me tocca,
     Sempre la verità ghe sento in bocca.

30L'è virtuoso, senza ostentazion,
     L'è zovene da ben, senza impostura:
     Capace, quando porta l'occasion,
     In un circolo a far la so figura.
     Serio el sa star, e 'l xe in conversazion
     Spiritoso, grazioso per natura,
     E se el vedessi a recitar, credello,
     L'è quel, che mai se pol sentir de bello.

31Una volta l'ha fatto da Rinaldo,
     E 'l pareva 1 Vitalba in tel parlar.
     L'anno passà, co giera quel gran caldo,
     A 2 Bagnoli l'ho visto a recitar.
     E l'ho visto anca mì, dise un Gastaldo,
     E 'l m'ha piasso, e de più no se pol far.
     Zitto (digo), Patroni, in cortesia,
     Che descriver ve voi la Compagnia.

  1. Famoso comico.
  2. Sontuosa villeggiatura di Sua Eccellenza il Signor Conte Lodovico Widiman.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Delli_componimenti_diversi_di_Carlo_Goldoni_1.djvu/199&oldid=62321"