Pagina:Delli componimenti diversi di Carlo Goldoni 1.djvu/198

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



24Salta suso una Donna in cao de tola 1
     De settant'anni, e forse più; la dise:
     Questa, Sior Carlo, xe una gran parola,
     Sti Matrimonj el Ciel li benedise.
     Ma per mì, saria meggio viver sola.
     Gh'ho un cattivo marìo, le mie raise. 2
     Salta suso el mario: meggio per mì,
     Che ti fussi crepada almanco tì.

25A rider s'ha sentio tutto el Burchiello
     A sto pensier sì spiritoso, e vago.
     In tanto caminevimo a bel bello,
     E se scoverze el Campaniel d'Oriago. 3
     Tutti me dise: seguitè, fradello.
     Torno al fil del discorso, e tutti appago;
     Che propriamente ardeva da la voggia
     Del novizzo parlar, che xe una zoggia.

26Prima de tutto ve dirò, che el xe
     (Seguito a dir) ne la più bella età.
     Zovene senza barba, no a la fè, 4
     Che nol me piase un omo maridà,
     Ma gnanca vecchio che nol sia, perchè
     Vecchio con zoventù no se confà.
     Una Sposa per far lieta, e contenta
     L'ha da esser cussì, giusto su i trenta.

27E se sa, che per cento, e più riguardi,
     Più zovene ha da esser la consorte,
     Perchè l'omo s'invecchia assae più tardi
     Per natura più vegeto, e più forte.
     Tor una vecchia un zovene, Dio guardi,
     L'incorrerave quella brutta sorte
     De veder presto el povero marìo 5
     D'un matrimonio disugual pentio.

  1. In capo di Tavola.
  2. Le mie raise è termine d'amicizia, come se dicesse: caro amico ec.
  3. Villaggio sulla Brenta.
  4. No per mia fe.
  5. Marito.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Delli_componimenti_diversi_di_Carlo_Goldoni_1.djvu/198&oldid=62320"