Pagina:Delli componimenti diversi di Carlo Goldoni 1.djvu/197

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



19Per solito savè, che tutti smonta,
     Chi a bever el caffè, chi l'acqua vita.
     Chi de qualcossa gha la voggia pronta,
     E chi el compagno per usanza imita.
     Sta volta tutti resta, e i vol, che conta;
     Perchè l'istoria i vol sentir compita
     Del Sposo, della Sposa, e dei Parenti,
     E a bocca averta i me ascoltava attenti.

20Savia (seguito a dir) xe la novizza,
     Granda, benfatta, spiritosa, e bella,
     Che no gha pretension, che mai s'istizza,
     Che gha cento virtù raccolte in ella.
     Quel furbetto d'Amor, che i cuori impizza1 ,
     Che ne liga, 2 ne struscia, e ne martella
     In quei bei occhi, in quel bel viso adorno
     Fondà l'aveva i so dissegni un zorno.

21Ma l'onestà, che regna e se conserva
     Tra le Nobili Dame in sto Paese,
     Fa, che viva la 3 Putta in gran riserva
     In Monestier, fin disdot'anni, a spese. 4
     El genio, el cuor, l'inclinazion se osserva;
     Anca senza parlar le vien intese;
     E le vede el novizzo, 5 co xe fatto
     Fra quei, che lo pol far, el so contratto.

22No dirò, se sia ben, o se sia mal
     In genere de nozze un tal costume;
     Ma una fortuna, che a ogni ben preval,
     Xe un tesoro trovar senza aver lume.
     Col Priuli l'ha vista (Dio immortal!)
     L'ha ringrazia de la Fortuna el Nume;
     E l'ha dito: col cuor, col mio conseggio
     Non averia desiderà de meggio.

23E 'l dixe ben, el dixe ben, cospetto!
     De meggio no se pol desiderar.
     Che se unissa beltà con intelletto,
     Si facilmente no se pol trovar.
     A prima vista s'ha sveggià un affetto
     In tutti do, che fa maraveggiar,
     E se vede apparir, come da un velo,
     Che xe ste nozze stabilide in Cielo.

  1. Accende.
  2. Ci affatica.
  3. La Fanciulla.
  4. In pensione.
  5. Lo Sposo.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Delli_componimenti_diversi_di_Carlo_Goldoni_1.djvu/197&oldid=62319"