Pagina:Delli componimenti diversi di Carlo Goldoni 1.djvu/196

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



15Subito sbalza in piè dal lai de poppe1
     Un co' un per de mustachi inviperio;
     E 'l scomenza a criar: tippete toppe:
     Sento quell'altro a dir: Poffar i' mio.
     Salto suso: Tasè co ste faloppe,
     Non andemo più in là, 2 siemo in drio;
     Cossa m'importa a mi che se combatta?
     Lasso, che chi ha la rogna se la gratta.

16Siori, ascolteme mì, che gho una niova
     Da darve a tutti, se no la savè.
     E diseme, che son fio d'una lova 3,
     Se, co l'ho dita, no me ringraziè.
     Steme attenti a sentir da 4 poppe a prova,
     No dormì, no fe chiasso, e no parlè.
     Quel, che adesso dirò, pol bastar solo
     Per vu, e per mì, fin che arrivemo al Dolo.

17Tutti attenti me varda: i Religiosi
     Se fa la Crose, e mette zo l'offizio:
     Se me tira d'arente i più curiosi,
     5 Ma l'amiga sta salda, e gh'ha giudizio.
     In tel so Camerin resta i morosi6,
     E ghe fazzo, parlando, un bel servizio.
     La Madre ascolta, e la ghe sta davanti:
     Quel, che i fazza, no so; tiremo avanti.

18E scomenzo così: Siori, a Venezia
     Se farà sto Settembre un Noviziado
     Tra do persone (no la xe facezia)
     Belle, nobili, ricche, e d'alto grado.
     La Novizza gentil nome ha Lugrezia,
     E dei conti Manini è 'l so casado.
     Sier Alvise Priuli xe el consorte...
     Ecco del 7 Moranzan semo alle porte.

  1. Dal lato della Puppa del Burchiello.
  2. Ritiriamo, tronchiamo questo discorso preso dal Siar della gondola.
  3. Figlio di una lupa, barzeletta.
  4. Da Puppa a Prora.
  5. Parla sempre della sua vicina.
  6. Gli amanti.
  7. Le Porte del Moranzano sono le prime, che si trovano. Queste porte sono sostegni d'acqua.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Delli_componimenti_diversi_di_Carlo_Goldoni_1.djvu/196&oldid=62318"