Pagina:Delli componimenti diversi di Carlo Goldoni 1.djvu/195

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



11Sta 1 mutria da do musi gazerada2
     Un zorno fursi saverà chi son...
     Ma fora son andà de carizada3,
     Giusto come l'autor del Ciceron,4
     Che a ogni picciolo passo, una fazzada,
     Almanco el tira zo de digression,
     Per criticar el Mondo; e della Donna
     L'ha dito tanto mal; Dio ghel perdona.

12Donca vegnindo a quel, che dir voleva,
     Torniamo a bomba dirave un Cruscante.
     Chi parlava in Burchiello, e chi taseva;
     Chi diseva: che tempo stravagante!
     Chi se lagnava, perchè no pioveva;
     Chi su le malattie fava el zelante.
     Chi tendeva a parlar del Terremoto,
     E chi dei casi, che succede al loto.

13Mì de malinconie no voi parlar,
     Perchè patisso delle 5 rane assae,
     E spesse volte me tocca provar
     Delle cattive pessime zornae,
     Spezialmente co son per lavorar
     Drio delle mie Commedie indiavolae:
     Ma la rana mazor, che me martella,
     Xe quando, che no gho bezzi in scarsella.

14Donca (me metto a dir) anemo, via,
     Principiemo, Signori, a muar proposito.
     Viazando co sta bella compagnia
     Parlar de cosse tetre el xe un sproposito.
     Via, mettemose tutti in allegria.
     Salta suso un genial Padre Proposito:
     E pur, Signori miei, son d'opinione,
     Che non la durerà Porto Maone.

  1. Faccia da due faccie.
  2. Indegna.
  3. Fuori di Carreggiata.
  4. La Vita di Cicerone del Passerotti.
  5. Rane si chiamano quelle degl'Ipocondriaci immaginarj.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Delli_componimenti_diversi_di_Carlo_Goldoni_1.djvu/195&oldid=62317"