Pagina:Delli componimenti diversi di Carlo Goldoni 1.djvu/193

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



3Per esempio... ma no, no i voggio dir,
     Perchè adesso gh'è troppi, che me sente;
     A tempo, e a logo me ne voi servir,
     Senza che da nissun se sappia gnente.
     In scena i vederemo a comparir,
     Ma in abito; e in aspetto differente;
     Acciò la zente 1 sboccaizza ardita
     No m'abbia a dir: 2 fio d'una fata, e dita.

4In sto mistier, che fazzo mì, per diana,
     Se core dei pericoli no pochi,
     Qualche volta se parla alla lontana,
     E ghè de quelli, che se sente tochi:
     Ma chi cria, da so posta se condana,
     E i fa pezzo de mì. Poveri alochi;
     Mì parlo in general, no a tu per tu;
     Se vu ve lamentè, donca sè vu.

5Basta, lassemo andar, che no i me diga,
     Che per tutto ghe ficco la Commedia.
     Xe ben, che vaga avanti, e che me sbriga,
     Acciò che chi m'ascolta no se tedia.
     La zente ancuò de brevità xe amiga,
     Le cosse longhe fa morir d'inedia,
     E nissun pol gnancora indivinar
     Quel, che gho in testa de voler cantar.

6Andando donca col remurchio 3 a prova
     Per la laguna placida, e serena,
     A parlar se prencipia; ognun se prova
     Del curto viazo a minorar la pena.
     Chi conta qualche Istoria, o qualche nova;
     Chi parla, e ride colla bocca piena;
     Chi trafega alle carte i so contanti;
     4 Chi se sbrega a criar coi remurchianti.

  1. Sboccata.
  2. Detto ingiurioso: Figlio di ec.
  3. Un battello di varj remiganti, che tirano il Burchiello per la Laguna, attaccato alla Prora.
  4. Che si sfiata.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Delli_componimenti_diversi_di_Carlo_Goldoni_1.djvu/193&oldid=62315"