Pagina:Delli componimenti diversi di Carlo Goldoni 1.djvu/157

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



26Cecco. Questo vuol dir, perchè non siete avvezzo.
Titta. Tutto quel, che volè, caro Paron,
     Ma se col scarrozzar mi me scavezzo, 1
     E a andar in barca ogni foresto è bon,
     La gondola xe meggio, e circa al prezzo
     Tra questa, e quella no gh'è paragon;
     La gondola con poco aver se pol,
     Per aver la carozza altro ghe vol!

          27Se parlemo de quei, che la mantien,
     Ghe vol el carrozzier, el cavalcante;
     I cavai magna un diavolo de fien,
     E po i ghe costa de le doppie tante.
     Quei, che a do remi la gondola tien,
     No i spende la mità con el contante:
     E i se serve de nù certi Signori
     Per Lacchè, Camerieri, e spendidori.

28Cecco. Questo tal volta si fa pur da noi
     Con qualche miserabile cocchiere,
     Costretto appunto, come dite Voi,
     A far da Maggiordomo, e da Staffiere,
     E fa talora alli Padroni suoi
     Colle sucide mani anche il Barbiere:
     Indi della Carrozza fan di meno,
     Vendon le bestie per pagare il fieno.

29Titta. Ah vardè quante barche! Ah Camerada,
     Vardè chi 2 preme, vardè là chi sia.3
     La Novizza xe qua, la xe arrivada
     Con el seguito tutto in compagnia.
     Vardè là quele gondole in parada,
     Proprio le dà piaser, le fa allegria,
     Mo vardè, se no l'è proprio un portento,
     Le và, le vien, e no le se dà drento.

  1. Mi stroppio.
  2. Premere vuol dire, tener la gondola dalla parte sinistra.
  3. Siar vuol dire dare indietro.