Pagina:Delli componimenti diversi di Carlo Goldoni 1.djvu/156

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



22Titta. La Carrozza val più, questo el se sà,
     Ma la rason del prezzo no me pol.
     Bezzi no ghe ne manca in sta Città,
     E coi bezzi se fa quel, che se vol.
     Delle gondole d'oro se ne dà,
     Che star dal pari a le carozze pol.
     E vardè el Buzzintoro, se el xe bello;
     Non gh'è Caro Trionfal simile a quello;

          23Ma in sto nostro Paese benedeto,
     Dove regna el bon gusto, e la ricchezza,
     Più de la vanità, più del diletto,
     Comodo vero, e libertà se aprezza.
     Voleu farve 1 vogar? andè a un tragheto; 2
     Subito montè in barca con franchezza;
     Co se vol la carozza, el savè vù,
     Se se aspetta mezz'ora, e fursi più.

          24Se sè stracco, andè in barca, 3 e treve là,
     Collegheve 4 sul trasto, e po dormì;
     Comodo, come in letto stravaccà 5
     Podè intorno zirar la notte, el dì,
     Lezer, bever, magnar, tutto se fa:
     Ma la Carozza no la xe cusì;
     Se salta, se se sbatte, se stracola,
     No se sente dal strepito parola.

25Cecco. Voi dite male; i carrozzier miei pari
     Non fanno mica saltellar le genti.
     Faccio andar la carrozza pari pari,
     E a' miei cavalli faccio far portenti.
Titta. So, che una volta ho speso i mi danari,
     Son andà in 6 birba, e me sbatteva i denti;
     E so, che coi stracoli in certe volte
     M'ho 7 morsegà la lengua diese volte.

  1. Volete farvi condurre in gondola?
  2. Traghetti, sono i posti, dove stanno le gondole ad uso comune.
  3. Gettatevi lì.
  4. Coricatevi sul guanciale, che è nel mezzo, ed è il primo luogo.
  5. Disteso.
  6. La birba è una carrozza aperta da quattro posti.
  7. Mi ho morsicato la lingua.