Pagina:Delli componimenti diversi di Carlo Goldoni 1.djvu/154

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



          12E i tre Fioli, che el gh'ha, xe tre Omenoni
     Senatori dei primi; Un General;
     L'altro xe stà Censor, ma de quei boni,
     Che giustizia sa far senza far mal;
     E l'altro, che no pol soffrir baroni,
     El Paese sa ben, quanto che el val;
     E con quanta saviezza el s'ha portà
     Nei Magistrati, che l'ha governà.

          13Ma se vedessi.... el vederè, aspettello
     So Zellenza Zuane unico Fio
     Del Senator Andrea, che giera quello
     Tanto stimà dal Cardinal so Zio.
     Omeni al Mondo, come che el xe ello
     Ghe ne xe pochi per quel, ch'ho sentìo;
     Che gh'abbia tanto studio, e tanta scienza,
     E tanta, come lù, vera prudenza.
     
          14E la so Dama xe una Moceniga
     De quela Casa tanto nominada,
     Che senza, che a contarve me sfadiga,
     Saverè chi la xe, chi la xe stada;
     Basterà solamente, che ve diga
     Che sta Dama da tutti xe lodada
     Per virtù, per saviezza, e per decoro,
     E la gh'ha mo sto Fio, che xe un tesoro.

          15E el xe quello, che ancuo s'ha da sposar
     Con una Dama de Cà Contarini,
     Quel, che mi digo, che ne fa sperar
     (Se la Novizza farà fantolini) 1
     Un, che de so Eminenza possa andar
     Fursi più insuso tre, o quattro scalini,
     De merito m'intendo, e de Virtù,
     Che circa al grado lo volemo Nù.

          16Qua la Patria ghe xe Madre amorosa;
     Qua no ghe pol mancar cariche, e onori.
     In casa sette Dosi ha abù la Sposa
     Con una fola de Procuratori.
     E la Casa Querini gloriosa
     Vien dal sangue dei primi Imperatori,
     E da Galbagio valoroso, e bravo,
     Che xe sta de Venezia el Dose ottavo.

  1. Bambini.