Pagina:Delli componimenti diversi di Carlo Goldoni 1.djvu/125

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



18Lugr. Caspita, parlè ben, Siora Pasqueta!
     Ste belle cosse chi ve l'ha insegnae?
Pasq. Le ho sentie a dir ste cosse dal Poeta;
     Mi gh'ho bona memoria, e le ho imparae.
Lugr. Laoreu, frascone, o toghio la baccheta?
     Vardele là, ste misere, 1 incantae.
Pasq. Chi no s'incanterìa, cara Lugrezia?
     Sti Novizzi, ha incantà meza Venezia.

19Lugr. Animo, deghe drio; via da valente,
     Fenimo avanti sera sto laorier.
     Chi no fa presto, no vadagna gnente.
     No gh'è più da far ben in sto mistier.
     Ogni dì per Venezia a dir se sente:
     Xe pien de 2 Conzateste ogni Sestier,
     E po per sparagnar quattro gazzete, 3
     Tutte fa scuffie, e tutte fa stolete. 4

     20Se in ste occasion co un poco de giudizio
     No se se fa la ponga, 5 la va mal;
     Cara Pasqueta co sto Sposalizio
     Gh'ho speranza, che femo carneval.
     Inventerò ben mì col mio caprizio
     De le galanterie, che poco val;
     Per farme pagar ben zà sò l'usanza;
     Basta dir, che la moda xe de Franza.

     21Basta, che i primi merli sia perfetti,
     E me contento de far sù, e sù;
     I segondi più 6 tondi, e più laschetti
     Farò, che i sia, per vadagnar de più.
     Anca nù femo i nostri negozietti,
     Za quei, che compra, se riporta a nù;
     E se ai marcanti demo del vadagno,
     Li podemo comprar con del sparagno.

  1. Da poco.
  2. Conciateste si dice ad una, che fa i piccioli adornamenti per Donne.
  3. Moneta che vale due soldi.
  4. Palatine.
  5. Metter da parte, profittare.
  6. Meno fini, e più deboli.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Delli_componimenti_diversi_di_Carlo_Goldoni_1.djvu/125&oldid=62299"