Pagina:Delli componimenti diversi di Carlo Goldoni 1.djvu/124

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



     14Ho sentìo cosse de sta Casa Zen,
     Che per Diana de dia fa innamorar.
     Dosi, Procuratori... e sarà ben
     Mill'anni, che i se sente a menzonar,
     De sta 1 Casazza tutto el Mondo è pien,
     I s'ha visto le Armade a comandar,
     Che omeni! che teste! I so Mazori
     Fina in Persia i xe stadi Ambassadori.

15Lugr. Vù mo, come saveu tutte ste cosse?
Pasq. Le so, che me l'ha dite un galant'omo, 2
     Servitor de sta Casa, che cognosse
     Quel benedetto caro Zentil Omo,
     Padre de la Novizza. Su le mosse
     El xe per andar via sto pover omo;
     E avanti de partir, l'ho sentìo mi
     Dei so boni Paroni a dir cusì:

     16Za, che la sorte me fa andar lontan,
     Per qualche mese da Venezia mia,
     Za, che a Mantua per genio, e po a Milan
     Amicizia me chiama, e cortesia,
     E, co sti Sposi se darà la man,
     Presente el mio destin no vol, che sia,
     Col cuor, dove sarò, col mio respetto,
     Per lori pregherò Dio Benedetto,

     17Che li renda felici, e che se unissa,
     Co la man, co la Fede el genio, el cuor;
     Ch'el piaser de quel di mai no fenissa,
     Ma ch'el deventa sempre più mazor;
     Ch'el Signor li conserva, e benedissa,
     E ghe conceda i frutti dell'amor;
     Per colmar la Fameggia de' contenti,
     Per gloria de la Patria, e dei Parenti.

  1. Gran Casa.
  2. L'Autore parla di se medesimo.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Delli_componimenti_diversi_di_Carlo_Goldoni_1.djvu/124&oldid=62298"