Pagina:Delli componimenti diversi di Carlo Goldoni 1.djvu/123

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



10Pasq. Certo, che se i ve dà la commission
     De proveder i merli, che ghe vol,
     Podè chiappar la vostra provision 1
     Da chi li vende, e po da chi li tol.
     Se dà da intender, che gh'è un'occasion
     De fora via, 2 che vantazar se pol.
     I se paga de manco; e quel de più
     Se spartisse da amighe tra de nù.

11Lugr. Me fe da rider co sti avvertimenti.
     No son gonza, Sorella, e lo savè.
     Ma via, no se perdemo in complimenti.
Pasq. Aspetto la mia Putta. Lugr. Se savè,
     Per le nozze farai do fornimenti?
Pasq. Certo, do fornimenti, e fursi tre.
     Zentil Omeni i xe, che pol, che sa,
     Che no fa torto a la so nobiltà.

12Savè, se mi cognosso tutti quanti,
     Se pratico; se so; se me n'intendo.
     De i Loredani no se va più avanti,
     I gh'ha a Venezia un parentà stupendo.
     I ha avù dei Senatori tanti, e tanti....
Lugr. Ste cosse, che xe qua, mi no le intendo:
     Co no i spende da mì, co no vadagno,
     Co ste grandezze, cara fia; no magno.

13Pasq. Ma ste grandezze, lo savè, xe quelle,
     Che i poveretti fa magnar de più.
     Co se marida de ste prime stelle,
     Da sperar ghe xe sempre anca per nù:
     No i ghe farave tante cosse belle,
     No i spenderave tanto, cara vù,
     Se sta Novizza, che servir podè,
     No fusse de quel sangue, che la xe.

  1. Una specie di mancia.
  2. Da persone particolari.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Delli_componimenti_diversi_di_Carlo_Goldoni_1.djvu/123&oldid=62297"