Pagina:Delli componimenti diversi di Carlo Goldoni 1.djvu/122

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



     6Subito vù me sè vegnua in pensier,
     Questo el sarave un bocconcin da Rè.
Lugr. Via da brava, porteme del laorier,
     Una man lava l'altra, za el savè.
     Mi grama putta 1 fazzo sto mistier;
     Perchè son sola, e intrae no ghe ne xe.
     E bisogna, che cerca le occasion,
     Per mantegnirme con reputazion.

7Pasq. Ma za, che sè una Zovene valente,
     Ve doveressi maridar; xe ora.
Lugr. Zitto, tasè, che quelle putte sente.
     Frascone, tendè a vù; laorè in bon'ora.
     Vardè là, che 2 pettazze! co gh'è zente,
     Le vol star a ascoltar; no le laora.
     Adessadesso togo la bacchetta.
     Sti Novizzi chi xei? disè, Pasquetta.

8Pasq. I è do Novizzi da la Sorte uniti,
     Ma con amor, credemelo, i se tol.
     La Putta è de Ca Zen dai Gesuiti,
     Casa antiga, fia mia, casa, che pol.
     Una Putta che ha meriti infeniti,
     Savia, bella, brillante co fa el Sol;
     Domenego (el Novizzo) Loredan,
     Zovene, Zentil Omo Venezian.

9Lugr. Grazia, virtù, bellezza, e nobiltà
     Le xe cosse, che piase, e che fa onor;
     Ma per mì, ve dirò la verità,
     I bezzi è quelli, 3 che me sta sul cuor.
     A l'ordene la Putta i metterà
     Da par soo, che vol dir con del splendor.
     Se i me tolesse mì per laorar,
     Bona zornada spereria de far.

  1. Io, povera fanciulla.
  2. Lo stesso, che pettegole.
  3. I quattrini.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Delli_componimenti_diversi_di_Carlo_Goldoni_1.djvu/122&oldid=66331"