Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/71

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Sì, vendeta, vendeta, a l'arme; a l'arme;
     Con cento Dardi vòi ferir quel peto,
     Vogio farlo penar per vendicarme,
     Vogio farlo languir senza dileto;
     A le lagreme soe sordo vòi farme
     E lo vogio in caena a so despeto.
     E ghe vogio insegnar a pregar Dio
     Che le Pute no possa aver Mario.

Alto, (dise la Dea) no fe', Cupido,
     Da putelo qual se', no fe sto chiasso:
     De le vostre bulae mi me ne rido;
     Ve manderò coi vostri dardi a spasso.
     Piero voressi rovinar? me fido;
     Mi lo difendo e in abandon nol lasso:
     El vostr'arco no ga forza che basta,
     Quando impugno per lu lo scudo e l'asta.

Prima de manazzar, come che fe,
     Prima de dirghe tanta vilania,
     Informève, frascon, prima chi el xe
     E no parlè, se no savè chi el sia.
     Sto degno Cavalier che maltratè
     Xe pien de bone grazie e cortesia,
     E se l'à dito alfin quel che l'à dito,
     No me par mo che el sia sto gran delito.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/71&oldid=66827"