Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/72

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Prima de tuto l'à parlà per sdegno,
     Per un moto violento de natura,
     E un primo moto de perdon xe degno,
     E ogni lege lo salva e lo assecura.
     El ga tuto el dover, tuto l'impegno
     Per sta Damina, el lo protesta e zura;
     Perchè; el savè, Zelenza Loredana,
     Sorela de sta Puta, è so Zermana.

Nol l'à mai vista, e i meriti nol sa
     Che la rende famosa e singolar,
     Ma con ogni rispeto e civiltà
     Co le Dame l'è avezzo a conversar.
     El confesso anca mi, l'à trasportà
     Una bile improvisa a bestemiar;
     Ma quando una passion domina e toca,
     Tuto quel se sol dir che vien in boca.

Moderè, moderè sta tropa ardenza,
     E a sto bon Cavalier portè respeto;
     El ga tanto saver, tanta prudenza
     Che indegno stral no pol ferir quel peto;
     Basta dir, che el xe fio de so Zelenza
     Andriana Dolfin, che xe in conceto
     D'esser, per tante virtù bele e rare,
     L'esempio de le Dame ilustri e chiare.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/72&oldid=66828"