Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/70

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Dise Cupido a la Triforme Dea:
     Saveu chi sia quela beltà ch'è offesa?
     La xe tal che a Minerva e a Citerea,
     E a Palade farìa scorno e contesa.
     El più bel fior d'ogni più vaga idea,
     No d'ambizion, ma de modestia acesa;
     E ardisse pregar Dio st'Omo iracondo
     Che sì rara beltà se perda al mondo?

Nata la xe da nobil sangue, e el fato
     À cressù de la madre i primi onori;
     Ga el romano Pastor, Pastor beato,
     Colmai de gloria i Barbarighi alori.
     Sospira ognun, che xe in sta patria nato;
     Meritar la so grazia e i so favori;
     E costù, bestemiando, ardisse dir:
     Che marìo non la possa conseguir?

La Giovaneli, la vezzosa Orseta,
     Gloria de l'Adria, onor de sto paese,
     Bela, savia, prudente e vezzoseta
     (Grazie che a pochi dona el Ciel cortese)
     Quela che un zorno al regno mio sogeta
     Coronerà le mie famose imprese,
     Quela, ingrato, bramar senza Consorte?
     Solamente el pensier xe reo de morte.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/70&oldid=66825"