Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/69

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



L'eticheta savè, savè l'usanza;
     Dove gh'è de ste Pute, no se va:
     Fursi fra tante l'unica osservanza
     Che fina al dì d'ancuo s'à conservà.
     Onde vol la rason, vol la creanza
     Che ve fazza saver sta novità;
     E co va via sta Dama benedeta
     Vegnì da mì che le pernise aspeta.

Xe restà el Bonfadini, come resta
     Un pover omo imatonio da un ton;
     El se voleva butar via la testa,
     Ma in cambio l'à butà el so bareton.
     Cospeto! (el dise) che rason xe questa
     Che abia a sacrificar la mia passion
     A sta Dama, a sta Puta? Ah prego Dio,
     Che no la possa mai trovar marìo.

A sto orendo sconzuro, a sta tremenda
     Imprecazion gera presente Amor.
     El se sdegna, el se irita, e el vol l'emenda
     Pari a la colpa, e el ghe minacia el cuor.
     Vien Diana in difesa, e che s'offenda
     No permete per questo un cazzador,
     E se impizza tra lori un'aspra guera
     Pezo che tra la Franza e l'Inghiltera.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/69&oldid=66821"