Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/66

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Gera in quela stagion che più confina
     Con l'inverno vicin che con l'istà,
     Che le note se slonga e i dì declina,
     E se spopola squasi ogni cità.
     Bela stagion per chi a la Cazza inclina,
     Che oselami se trova in quantità,
     E chi ga la passion d'andar a trar
     In sta bela stagion se pol sfogar.

Tra i amatori de sto bel dileto,
     Che se strussia per spasso, e se sfadiga,
     Sier Piero Bonfadini è el più perfeto
     Cazzador, tirador de prima riga.
     Credo che da Diana el sia proteto,
     La casta Dea dei cazzadori amiga,
     E l'argomento mio xe ben fondà,
     Perchè una botta no l'à mai falà.

Questo xe un Cavalier d'un bel talento,
     D'onorati costumi e onesto cuor,
     D'otimo equilibrà temperamento,
     Schiavo del so dover, mai del'Amor;
     A sostener nei Tribunali atento
     La giustizia, la lege, e el proprio onor,
     Onde a la Quarantìa pien de conceto,
     A pieni voti l'à el Consegio eleto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/66&oldid=66839"