Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/67

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Dai gravi pesi, dal tremendo ofizio,
     Che decide de roba e vita e morte,
     El so caro solievo è l'esercizio
     De trar in tera le pernise morte.
     Povere bestie! Per qual colpa o vizio
     Àle mo da incontrar sì trista sorte?
     Come un giudice mai dei più clementi
     Porlo sacrificar tanti inocenti?

Ma questo xe un poetico voveto,
     Nè Pitagora gh'intra un bagatin,
     Che per l'omo à creà Dio benedeto
     Pessi, oseli, anemali, e el pan, e el vin.
     El xe un rosto prezioso e da bancheto
     El fasan, la pernise e el francolin,
     E sto bon Zentilomo se sfadiga
     Per donarli a l'amigo, o a qualche amiga.

Gera donca in quel tempo espressamente
     Destinà de la Cazza al dolce invido,
     Quando che xe nassù quel acidente,
     Che à fato tanto inviperir Cupido.
     Caso da far maravegiar la zente,
     Che famoso anderà de lido in lido,
     E farà risaltar d'Amor l'impegno,
     Fiero vendicator, ma con inzegno.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/67&oldid=66816"