Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/58

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


Quanti imitando el Cavalier Giocondo
     Le intrae consuma, e po se fa burlar
     Senza acquistarse un merito a sto mondo?
Chi è nato Cavalier s'à da tratar
     Da par soo, che vol dir con nobiltà
     Ma senza vanità, senza strafar.
L'onesta economia con proprietà
     Fa che in te le ocasion de farse onor
     No se vede intacar le facoltà;
E un padre de famegia e diretor,
     Quando nol buta via superfluamente,
     Per la casa el dimostra un vero amor;
Quel che ò dito fin qua xe suficiente
     Su i quatro tomi; vegniremo al quinto
     E qualcossa dirò sumariamente.
Ircana in Julfa xe d'un fiero instinto;
     El caratere soo non à che far
     Con chi de l'umiltà gode el recinto;
Ma un'anema da ben se pol spechiar
     Ne la miseria de una dona altiera,
     Che da passion se lassa dominar.
E voltandose a Dio, che è la so sfera;
     Dir: Signor, ve ringrazio de buon cuor
     Che m'avè tolto per la strada vera;
E inamorada del Celeste amor,
     L'anema sento da quel stral difesa
     De l'ingrato Cupido e traditor.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/58&oldid=66837"