Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/57

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


Dove se arleva i fioi, co i xe puteli,
     Con santissimi onesti sentimenti
     A la patria divoti e a Dio fedeli;
Tuti a l'onor de la famegia intenti,
     Nemici de la zente indegna e trista,
     Schivando le pazzìe dei Malcontenti.
In sta tal mia Comedia ò messo in vista
     L'ambizion de chi fa quel che no pol,
     E el disonor che per tal via se aquista.
Ò fato veder chiaro come el Sol,
     De la zente superba el precepizio,
     E so de certo che a qualcun ghe diol.
Ma in casa Vendramin no gh'è sto vizio;
     Tuti xe boni, tuti xe discreti,
     E fin la servitù ga bon giudizio.
Zente in casa no i tien con quei difeti,
     Che in te le mie Massere ò colorìo,
     Piene de vizj e piene de grileti.
So Zelenza Francesco savio e pio
     Vol che la servitù se toga spasso,
     Ma onestamente e col timor de Dio,
Quando i paroni fa baldoria e chiasso,
     Anca a la servitù, per consueto,
     Par che sia tuti i zorni el zioba grasso.
Oh quanti ghe ne xe che per dileto
     Se vol redur de la miseria al fondo,
     Dando ai magnoni e ai discoli riceto!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/57&oldid=66798"