Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/59

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


Per quanto al mondo sia la dona intesa
     A far del ben e a viver saviamente,
     Xe più seguro el monestier, la chiesa,
Al secolo se trova de la zente
     Che se vanta de viver esemplar,
     Ma se converze maliziosamente.
Done de Casa soa se sol chiamar
     Certe done che vive retirae,
     Che fa i fati de casa e sa laorar;
E po le impiega meze le zornae
     Co le serve, le amighe, e col compare
     Sora el prossimo a dar de le tagiae?
E le trata i marii, ste zogie care,
     Con imperio, con ira e con despeto,
     E le putèle impara da le mare?
Tuti quanti a sto mondo à el so defeto,
     Ma el se corege, basta che ghe sia
     Qualchedun che dia lume al'inteleto.
Chi vol trovar de la virtù la via,
     Chi brama de saver quel, che va fato,
     Vaga a la scuola de san Zacaria..
Là drento al sangue nobile purgato
     L'esperienza se unisse, e el bon talento
     Pute per arlevar per ogni stato.
Chi inclina a la dolcezza del Convento,
     E chi a felicitar qualche famegia,
     In ogni condizion riesse un portento.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/59&oldid=66853"