Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/56

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


El secolo de beni è tropo avaro,
     Tropo la tera de viziosi è piena,
     E el mio Ragirator lo mostra chiaro.
Sta tal Comedia rapresenta in scena
     L'esempio de le teste soprafine
     Che al precipizio tanta zente mena;
E compatindo le anime meschine,
     Trova motivo de consolazion
     Chi scampa da ste razze malandrine.
Dopo de l'ubidienza e l'orazion,
     Lezer la poderave una sceneta,
     Se chi comanda ghe dà permission;
Fa megio assae chi lezer se dileta,
     De quele che sta là senza far gnente,
     O in Parlatorio tuto el dì se peta.
L'istoria per le Muneghe è decente;
     E el mio Terenzio de l'istoria antiga
     Una parte contien passabilmente.
Ma sta damina de l'onesto amiga,
     Ne la Bona Famegia avrìa più gusto,
     E la la lezerìa senza fadiga;
Anzi ghe parerìa de veder giusto
     Quela famegia dove la xe nata,
     Dove regna la pase, el vero e el giusto.
Zelenza Madre (la dirìa) ritrata
     Vedo, e Zelenza Padre e i mi Fradeli,
     E la nobile mia casa onorata,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/56&oldid=66797"