Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/55

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


E da certe lezion me par a mi
     Se possa dir: Vardè cossa xe el mondo!
     Quanta zente va a perderse cussì!
Ma argomento più caro e più giocondo
     Per Muneghe sarìa la Peruviana,
     Ch'è una puta da ben del novo mondo.
Nata sta puta in religion pagana,
     Con sentimenti de bontà sincera,
     Dio l'à condota a deventar cristiana.
Dio, per tuti salvar, disceso è in tera,
     Inspira in tuti de la grazia i doni;
     Felice chi l'ascolta e crede e spera!
Quando xe i sentimenti onesti e boni,
     Quando al dileto la moral xe unita,
     Pol le Comedie deventar Sermoni.
E una puta, che sia de santa vita,
     Lezer pol qualche volta per sorar
     Una Comedia onestamente scrita.
Anca el mio Tasso un'opera me par
     Non indegna de un anema ben fata,
     Vedendo in quela la virtù trionfar.
E la passion che nel Poeta è nata,
     E l'agita e lo tra for de cervelo,
     Per debolezza de natura ingrata;
Fa parer sempre più felice e belo
     El retiro dal mondo; e anca mi imparo,
     Che a ogni studio preval quel del Vangelo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/55&oldid=66796"