Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/54

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


Ma tuto el ben xe framischià col mal;
     Voler e no poder xe cossa dura,
     E la critica è resa universal.
Ai nostri zorni la vilegiatura
     Xe ridota un incomodo, un intrigo,
     Dove a la libertà se dà pastura.
Una prova real de quel che digo,
     Mostra quela Brilante Cameriera,
     Fata al contrario del costume antigo.
Pur tropo ai nostri zorni una massera
     Dà dei tristi consegi a le parone,
     E se dise brilante una ciarliera;
E i vechi incapriciai de ste frascone
     I rovina la casa e la famegia,
     E el bagolo i se fa de le persone:
Sti vechi co l'età no i se consegia,
     I pensa a tuto, fora che a la morte,
     E al mio Vechio Bizaro i se somegia;
I à sempre caminà per strade storte,
     E incalidi nel vizio e nel dileto
     I trova chiuse a la rason le porte.
E torno a dir quel che a principio ò deto,
     Bisogna usarse in zoventù a far ben
     Per aver in vechiezza un cuor perfeto;
El mio Festin xe veramente pien
     De quei gusti che core ai nostri dì,
     Gusti che soto el miel sconde el velen;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/54&oldid=66795"