Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/53

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


D'una filosofia discreta e sana
     Se compiase e dileta un cuor devoto,
     E xe scala del Ciel la scienza umana.
E la luse e i colori e el tempo e el moto
     E l'ordine dei Cieli e de le sfere
     El supremo poter de Dio fa noto.
Basta che nelle scienze lusinghiere
     No se perda la mente, e no s'impegna
     Ne le dispute odiose giornaliere.
La toga esempio da la savia e degna
     Dama che l'à arlevada e messa al mondo;
     Madre amorosa che a le mare insegna.
Su st'argomento nobile e fecondo
     D'una Madre Amorosa ò dà a la luse
     Una Comedia nel tomo segondo.
Se no l'avesse le Comedie escluse,
     La sentirìa sta santa Munegheta
     Fin dove al mondo la passion conduse,
E la dirìa: Sia tanto henedeta
     La mia cela, el mio leto, el mio breviario,
     E la mia povertà santa e negleta.
I fioli buta mal per ordinario,
     E co i xe boni cossa se vadagna?
     Quanto xe megio el viver solitario!
Qualchedun crederà che una cucagna
     Sia la cità, l'autuno, el carneval;
     E el passar ai so tempi a la campagna;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/53&oldid=66794"