Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/52

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


A cossa serve un rico patrimonio?
     Che val el dominar, el devertirse,
     Se in te le case penetra el demonio?
Per non aver un zorno da pentirse,
     Sta zentildona piena de virtù
     Col santuario l'à volesto unirse.
Chi conversa col mondo in zoventù
     Aquista tanti pregiudizi e tanti,
     Che in vechiezza impazzisse ancora più.
Fenia l'età de coltivar i amanti,
     Vol deventar la dona leterata,
     Professori tratando e diletanti;
Ma perchè per sto far no la xe nata,
     La se rende ridicola a la zente
     Come fa la mia Vedoa Infatuata:
Xe da lodar sta Vergine prudente
     Che ai santi studi del divin Vangelo
     Aplica con profito el cuor, la mente.
De zoventù no ghe n'importa un pelo;
     L'anema è sempre bela, in ogni stato,
     Sempre la piase e la xe cara al Cielo.
Se lecito ghe fusse in tel so stato
     Lezer qualcossa per divertimento,
     El Filosofo Inglese no xe ingrato.
De quando in quando qualche sentimento
     La troverìa d'una moral cristiana,
     Che darìa compiasenza al so talento.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/52&oldid=66793"